Vacanza Isole Eolie

Le Isole Eolie o Isole Lipari, in provincia di Messina, sono un arcipelago di origine vulcanica situato nel Mar Tirreno, a Nord della costa sicula.

L’arcipelago è composto da:

  • Alicudi
  • Filicudi
  • Lipari (centro amministrativo)
  • Panarea
  • Salina
  • Stromboli (con il vicino scoglio di Strombolicchio)
  • Vulcano

Destinazione turistica sempre più popolare, le isole attraggono fino a 200.000 visitatori all’anno, e sono Patrimonio dell’Umanità UNESCO.

LIPARI – Isola maggiore e più popolosa dell’arcipelago, è suddivisa in 5 centri abitati. Di grande interesse e di eccezionale valore è il Museo Archeologico. L’isola è dotata di tre Porti con numerose possibilità di ancoraggio, che consentono di trovare ridossi con venti da qualsiasi direzione. Tutti si trovano nella baia ad Est dell’Isola.

L’Isola di Alicudi conta 5,2 km². Anticamente era nota come Ericusa, “ricca di erica”, erba ancora predominante nella macchia autoctona. E’ l’isola più occidentale dell’arcipelago ed è situata a circa 34 miglia marine a ovest di Lipari. L’unico paese conta circa 100 abitanti.

L’isola di Filicudi è dominata dal monte Fossa delle Felci, un vulcano spento alto 774 m. La popolazione, circa 250 abitanti (che diventano 3000 durante la stagione estiva), è distribuita tra i centri di Filicudi Porto, Valdichiesa e Pecorini a Mare, collegati tra loro dall’unica strada asfaltata dell’isola e da una fitta trama di mulattiere.

L’Isola di Panarea è la più piccola delle Eolie. Con gli isolotti di Basiluzzo, Spinazzola, Lisca Bianca, Dattilo, Bottaro, Lisca Nera e con gli scogli dei Panarelli e delle Formiche, forma un piccolo arcipelago fra Lipari e Stromboli posto su un unico basamento sottomarino.

L’approdo più importante e scalo commerciale e turistico è nella località San Pietro, la principale contrada dove si concentra l’odierno abitato.

L’Isola di Salina è la seconda isola per estensione e per popolazione. Divisa in tre comuni, Santa Marina, Malfa e Leni, conta complessivamente 2.300 abitanti.

Da due vulcani spenti deriva il suo antico nome greco, Didyme, “gemelli”. L’attuale denominazione deriva invece da un lago naturale dal quale si estraeva il sale.

Dagli scavi sono emersi di insediamenti risalenti all’età del bronzo: Salina è infatti l’isola più fertile delle Eolie, qui si coltivano le uve pregiate da cui si ricava la “Malvasia delle Lipari”.

L’isola di Stromboli è l’unica delle 7 Eolie ad avere un vulcano in continua attività. È il più attivo dei vulcani europei, le sue eruzioni avvengono con una frequenza media di circa… una ogni ora.

Gli strombolani lo chiamano “Struògnoli”, ma quando è più attivo e spaventa può capitare di sentirlo chiamare “Iddu”, “Lui”, come se riaffiorasse la memoria della natura divina che un tempo era riconosciuta ai fenomeni naturali incontrollabili.

L’isola Vulcano è situata a 20 km a nord della Sicilia. Solo le Bocche di Vulcano, un braccio di mare largo 750 m circa, la separano da Lipari.